Una passeggiata a … C.da Cardinale

Una passeggiata a … C.da Cardinale

03/08/2015 0 Di admin

cardinale1Venendo da Siracusa percorrendo la strada statale “Mare Monti”, superato l’abitato di Canicattini Bagni, proseguite in direzione di Palazzolo Acreide. Superato il bivio “Passo Ladro” (Palazzolo A./Noto) al km 6,5 sul lato destro si innesta una stradina asfaltata riconoscibile da un edicola votiva. Seguendo questa strada, per circa 4 km, raggiungerete le “Case Grandi” di contrada Cardinale (IGM 1:25.00 Canicattini B. F.274 Q.III).

Lasciate qui le vostre auto avendo cura che non intralcino il passaggio dei mezzi agricoli e degli animali. Ora può finalmente iniziare la nostra escursione.

cardinale2Avendo di fronte il portone d’ingresso, svoltare a destra e seguite la strada sterrata che porta al torrente. Dal fondo della cava si può ammirare la maestria con cui fu edificata la masseria fortificata posta proprio a strapiombo per impedirne l’accesso non desiderato. Dopo aver superato il torrente e poche centinaia di metri in salita arriverete ad una sorgente d’acqua.

cardinale3Continuando a seguire la strada e superata la sorgente, alla vostra destra appare quel che rimane del bosco di Cardinale. Il bosco era sicuramente in passato molto più esteso e rigoglioso, ma sottraendo terreno alle coltivazioni foraggere fu progressivamente spinto ed emarginato alle zone meno pianeggianti.

 

Proprio ai margini del bosco, poste ben in vista lungo la strada, appaiono evidenti alcune tombe “a forno” parte di una estesa necropoli risalenti all’età del bronzo (2200-1100 a.C.) Per maggiori informazioni:

http://www.academia.edu/4481809/La_necropoli_di_contrada_Cugno_Case_Vecchie_nel_territorio_di_Noto_SR_aggiornamento

cardinale4

Da qui dopo aver attraversato i margini del bosco, continuando a seguire la strada imboccata, occorre percorrere circa 3 km fino ad arrivare al cosiddetto “Partitore delle acque” nei pressi dell’abitato di Canicattini Bagni.

cardinale5Dal partitore inizia la seconda parte dell’escursione per ritornare alle Case Grandi, la strada che consigliamo di seguire è individuabile seguendo (controcorrente !) il canale che adduce le acque del torrente al partitore. Da qui il sentiero battuto lascia il posto ad una rigogliosa vegetazione che non consente di procedere speditamente.

Tuttavia la presenza dell’acqua rende il cammino molto piacevole seppur in alcuni punti ostacolato da folti rovi.

cardinale7Giunti nei pressi di una masseria ancora oggi funzionante, dove il canale è stato riadattato a lavatoio (vedi foto) occorre scendere nella cava e risalirla, dal versante opposto, attraverso un sentiero che conduce alla vecchia strada di servizio dell’acquedotto di Siracusa.

Giunti sul piano imboccare questa strada a sinistra (a destra ritornereste a Canicattini attraverso l’ex macello comunale !)

Dopo un ultima tappa di poco più di 3,5 km, superata la cosiddetta “fontana” (alla vostra destra) e superata una piccola abitazione fatiscente facilmente individuabile per alcuni alti alberi di pino ed eucaliptus, non vi resta che continuare a seguire la strada attraversando una piccola cava per poi risalire verso la vostra auto.

cardinale8